MENU

STORIA

1932

La nascita del brand.

Stile, qualità e tradizione. Sono questi i punti di forza che rendono unico un marchio come Facis. La storia del brand nasce negli anni ‘30 a Torino, quando la ditta Donato Levi e i lanifici Rivetti si fondono in un’unica società, dando origine al GFT (Gruppo Finanziario Tessile) e al marchio Facis (Fabbrica Abiti Confezionati in Serie). Nel 1932 Facis si distingue subito nella produzione di confezioni maschili e abiti da lavoro, grazie all’utilizzo di ottime materie prime e di elevate tecniche di realizzazione. A Torino iniziano a nascere così negozi con i marchi Marus e Facis. 

1954

L’industrializzazione: prendiamo le misure.

Durante il dopoguerra il marchio Facis rivoluziona il mercato dell’abbigliamento formale maschile in Italia, grazie all’intuizione dei giovani titolari Franco, Silvio e Piergiorgio Rivetti. Ispirandosi al modello americano, puntano tutto sull’abbigliamento confezionato in base alle taglie. Nei primi anni ‘50 il GFT prende letteralmente le misure a più di 25.000 italiani, permettendo a Facis di vestire tutta la nazione per la prima volta con abiti non sartoriali. 

1962

Stile e comunicazione.

Gli anni '60 sono sinonimo di rinnovamento: ecco la rivoluzione nei metodi di produzione, distribuzione e commercializzazione dei prodotti. 
La comunicazione diventa fondamentale per il brand, tanto che nasce il primo manifesto pubblicitario dell’azienda, disegnato nel 1954 da Armando Testa.
Il famoso omino che corre con l’abito sottobraccio è stato accostato ad uno slogan divenuto celebre a quei tempi: “Di corsa ad indossarlo, è un abito Facis”.
Negli anni sessanta e settanta Facis risulta essere la più grande casa italiana di confezioni maschili.

1973

Pret à porter tutto italiano.

Con l'evoluzione del mondo della moda a partire dagli anni ‘70, il gruppo si lancia come licenziatario degli astri nascenti della moda, fra cui Giorgio Armani e Valentino.
Il Prêt à Porter made in Italy inizia a emergere con tutta la sua inconfondibile creatività. 
Proprio in questi anni, dagli impianti produttivi di Facis escono collezioni dalle finiture di grandissima qualità.

1996

La rinascita dello stile.

Negli anni ‘90 il gruppo GFT vive grandi cambiamenti, tra cui la cessione di marchi come Facis e della collezione Valentino. Nel 2001 arriva la svolta: i tre fratelli Carmelo, Piero e Giovanni Bucalo, titolari di Mediconf Spa, acquisiscono il 100% di Facis e dei suoi impianti produttivi. Nasce una nuova strategia aziendale mirata al rilancio del marchio: nuove collezioni e nuovi investimenti per rendere Facis il punto di riferimento per gli uomini che desiderano essere eleganti in tutte le occasioni.

2005

Il rilancio tra tradizione e innovazione.

Nel 2005 l'azienda passa alla neonata holding della famiglia Bucalo, denominata “Gruppo HIB” (Holding Industrie Bucalo), favorendo il rilancio del brand, della struttura aziendale e del prodotto. Oltre alla Facis, la holding è titolare della Gifrab srl, società presente nel mercato retail con negozi diretti e franchising a marchio Bucalo. Facis continua a prestare la massima attenzione ai gusti e alle tendenze, puntando su capispalla, camiceria, maglieria, accessori e sulla linea di sportswear.

Dal 2006 l’azienda inizia a sviluppare il canale outlet per essere al passo con i tempi: oggi è presente sul territorio nazionale negli 11 più importanti shopping village. Nel 2011, in un’ottica di crescita internazionale, Facis sposta la propria sede da Torino a Milano e lancia un nuovo marchio dal nome FCS 1932.

Tradizione e innovazione si fondono in un unico brand: grazie alle sue ottantasette taglie disponibili (ulteriormente ampliate da un accurato servizio Su Misura), Facis realizza il connubio perfetto tra ricercata modernità e raffinata eleganza di stile sartoriale.